Iper la grande i
Facebook Twitter Youtube
Leggi il regolamento Non riesci a registrarti? Registrati a LuogoidealeClub
 
Seguici su:
Login ricorda password
 
vetrina passioni

Convenzioni

Passioni
Fuoco verde
vedi tutti
Metti una sera d'autunno, quando fuori piove e dentro il fuoco è acceso. C'è un bel calduccio che scalda mani e piedi, le luci giocano con le ombre ed è come se Igssimo andati indietro nel tempo, come un ritorno alle atmosfere uniche, antiche e contadine, del focolare domestico e degli affetti familiari. Non è un sogno irraggiungibile, perché per ricostruire un'atmosfera così basta davvero quasi solo uno sforzo d'immaginazione. Semplicemente. La versione moderna dell'icona della sacralità domestica esiste, si trova facilmente sul mercato e, per di più, si offre in una vasta gamma di modelli. Uno di questi è la stufa a pellet, che, per chi non lo sapesse, è un biocombustibile. Insieme alle cugine che vanno a legna e a carbone, e a quelle a gas e a kerosene, rappresenta l'ultima frontiera della scienza applicata alla ricerca del benessere domestico, non solo perché riproduce il calore insostituibile della viva fiamma, ma anche perché strizza vistosamente l'occhio alle politiche di riduzione delle emissioni di CO2 in atmosfera. Una delle caratteristiche di queste stufe sta infatti proprio nel tipo di combustibile che bruciano: il pellet, che è un composto di biomasse, cioè di sostanze biologiche utilizzabili per produrre energia, come i residui delle coltivazioni agricole o forestali, gli scarti dell'industria di trasformazione del legno quali trucioli e segatura e, ovviamente, le piante espressamente coltivate a scopi energetici. Il pellet, tanti piccoli cilindretti lunghi pochi centimetri, distribuiti in commercio in sacchetti da 15 chili circa, è infatti riconosciuto a pieno titolo amico dell'ambiente.
A destra, una vecchia stufa da collezione e, a sinistra, alcuni modelli di stufe a pellet in vendita nei negozi "Iper, La grande i".
Anche per altre ragioni, naturalmente, a partire dal fatto che, essendo ottenuto con un processo di essiccatura e pressatura delle essenze legnose (anche miscelate tra loro), è privo di additivi e leganti chimici. In termini pratici, ciò significa che sono quasi nulli i residui della sua combustione per quanto riguarda sia le ceneri (attorno allo 0,7 per cento) sia le emissioni nocive, nemico numero uno delle più recenti politiche ambientali. Il global warming, ovvero il surriscaldamento globale causato dall'incremento della concentrazione atmosferica dei gas serra di origine antropica, è un segnale che non può più essere ignorato neppure dagli ottimisti a tutti i costi. Protocollo di Kyoto a parte, la necessità che i governi dei Paesi più industrializzati e, con eguale responsabilità, i singoli individui adottino sistemi di vita meno dannosi per l'ecosistema è ormai sotto gli occhi di tutti. Insomma, come a dire: riscaldiamo le nostre case ma stiamo attenti a non scaldare troppo la Terra. L'altro grande vantaggio del pellet è il suo basso grado di umidità, ottenuto grazie al processo di essiccazione a cui vengono sottoposti i materiali vegetali. Scarsa umidità che equivale a un'elevata potenza calorifica: fatto di non poco conto in termini di efficienza energetica e, ovviamente, di risparmio economico. Il tutto per dire, insomma, che l'attenzione prestata negli ultimi anni a tecnologie innovative compatibili con la tutela dell'ambiente non è più lasciata ai buoni propositi, ma risponde al rispetto di precise percentuali di emissioni di gas serra in atmosfera che tutti noi dovremo contribuire a garantire nei prossimi decenni. Col fine ultimo di lasciare alle generazioni future un pianeta vivibile.
condividi su:
Sfoglia l'articolo
Sfoglia l'articolo  
Cerca
cerca
Altri Passioni Vedi tutti
Il regalo
Dimmi di che colore sei
...e ti dirò qual è il regalo che ti farà felice. Ovvero, guida semiseria alla caccia al pensiero giusto...
Dicembre
Aspettando il Natale
Miti, riti e simbologie della festa più attesa dell'anno
La camicia
Rinati con la camicia
Il più classico degli indumenti maschili riconquista il posto che le spetta da sempre nel guardaroba....
Cachemire
Dove nasce il vello d'oro
Dagli aspri altopiani della Mongolia, dove vivono le capre che forniscono il filato più pregiato del...
Sapori
Lo scrigno magico
Le noci
Lo scrigno magico
Se ne sta nascosta nel guscio legnoso che la racchiude come un piccolo tesoro. Per fortuna facilmente...
Percorsi
I signori degli agnelli
La transumanza
I signori degli agnelli
Sulle tracce della transumanza che, all'inizio dell'estate, vedeva le greggi migrare lungo i tratturi...
 
iscriviti al luogo ideale club